Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando "Accetta i cookie" acconsenti all’uso dei cookie.

Riscaldamento

  • caldaie a condensazione 
    Le caldaie a condensazione sono le caldaie più moderne ed ecologiche oggi esistenti. Riescono infatti ad ottenere rendimenti molto elevati grazie al recupero del calore latente di condensazione del vapore acqueo contenuto nei fumi, come pure riduzioni delle emissioni diossidi di azoto (NOx) e monossido di carbonio (CO) che possono raggiungere il 70% rispetto agli impianti tradizionali.
    Le normali caldaie, anche quelle definite “ad alto rendimento” (rendimento è nell’ordine del 91-93%, riferito al potere calorifico inferiore), riescono infatti ad utilizzare solo una parte del calore sensibile dei fumi di combustione a causa della necessità, prettamente tecnologica (durata dell’installazione stessa), di evitare la condensazione dei fumi.
    Nelle caldaie non a condensazione, il vapore acqueo generato dal processo di combustione (circa 1,6 kg per m3 di gas) viene quindi disperso in atmosfera attraverso il camino: la quantità di calore in esso contenuta, definito calore latente, rappresenta ben l’11% dell’energia liberata dalla combustione ma non riesce ad essere recuperata.
    La caldaia a condensazione, a differenza della caldaia tradizionale, può invece recuperare una gran parte del calore latente contenuto nei fumi espulsi attraverso il camino. La particolare tecnologia della condensazione consente infatti di raffreddare i fumi fino a farli trasformare tornando allo stato di liquido saturo (o in taluni casi a vapore saturo umido), con un recupero di calore utilizzato per preriscaldare l’acqua di ritorno dall’impianto. In questo modo la temperatura dei fumi di uscita (che si abbassa fino a 40 ° C) mantiene sempre lo stesso valore della temperatura di mandata dell’acqua, ben inferiore quindi ai 140-160 ° C dei generatori ad alto rendimento ed ai 200-250 ° C dei generatori di tipo tradizionale.
    Nelle brochure tecniche dei differenti produttori di caldaie a condensazione solitamente si legge che esse raggiungono rendimenti superiori al 100%. Tale valori, che in teoria sarebbero fisicamente impossibili, non indicano alcuna violazione dei principi basilari della Termodinamica ma conseguono da un calcolo del rendimento volutamente “errato”: esso infatti è basato sul potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore (come invece si dovrebbe fare, essendoci condensazione del vapore acqueo dei fumi) in modo da ottenere dei valori che siano omogenei e, quindi, confrontabili con i rendimenti delle caldaie tradizionali.
    Viste le basse temperature dei fumi, le caldaie a condensazione utilizzano canne fumarie in acciaio inox o addirittura in plastica. Esse necessitano anche di un tubo per lo scarico dell’acqua di condensa, acida, che si forma durante il loro funzionamento.

I vantaggi economici

Con le caldaie a condensazione si raggiungono risparmi nell’ordine del 15-20% sulla fornitura di acqua calda a 80 °C, a 60 °C del 20-30%. Le prestazioni migliori sono quelle a carico parziale, ovvero il riscaldamento di un edificio, dove con radiatori tradizionali consentono risparmi del 25-30%. Esse infine esprimono il massimo delle prestazioni (risparmi del 40% e oltre) quando vengono utilizzate con impianti che funzionano a bassa temperatura (30-50°C), come ad esempio con impianti radianti (pannelli a soffitto, serpentino a pavimento o serpentino a parete). Grazie alle caratteristiche costruttive della caldaia a condensazione, quando si sostituisce una caldaia tradizionale con una a condensazione è possibile sceglierne una di potenza nominale minore. Se si completa il sistema con l’integrazione di pannelli solari, ed si aggiunge il risparmio che proviene dall’utilizzo dell’energia solare (25-30% medio), è possibile notare che dalla combinazione di pannelli solari e caldaia a condensazione si ottengono risparmi sull’ordine del 50-60%.

Negli ambienti con una temperatura gradevole si vive, si gioca e si lavora bene. E’ uno dei motivi per cui i sistemi di riscaldamento radiante godono di un successo sempre maggiore. Le applicazioni della climatizzazione radiante coprono le necessità piu svariate nel settore residenziale, nel terziario, nell’industriale e nell’edilizia sportiva. Infatti l’impiego di questi sistemi non ha nessun limite: parquet, ceramica, moquette, applicazioni industriali, pavimenti vincolati, serre, aree aperte; tutte le necessità sono soddisfatte con una tradizione di alta qualità e un’esperienza consolidata. Già l’edilizia degli anni ’70 ne provò l’uso,ma l’insufficiente livello tecnologico di allora non fece conseguire i risultati sperati, anzi, in molti casi, portò il malcontento. Grazie ai materiali e alle regolazioni climatiche oggi si realizzano Impianti a Pannelli Radianti (comunemente conosciuti come Impianti a Pavimento) perfettamente funzionanti e sicuri in grado di garantire Comfort e riduzioni di spese di gestione significative quantificabili intorno al 10 15%. Dato che l’intero pavimento o le pareti della stanza fungono da ampie superfici di riscaldamento, per questi sistemi è sufficiente una ridotta temperatura dell’acqua di mandata, mediamente 30-40°C, con conseguente risparmio energetico. Questi sono i migliori presupposti per l’impiego di caldaie a condensazione, pompe di calore e integrazione con pannelli solari termici. Grazie al calore che si distribuisce in modo uniforme in tutto l’ambiente, la percezione del comfort termico si raggiunge con una temperatura ambiente di 19°C invece di arrivare a 21°C come sarebbe stato con un impianto a radiatori. Un ambiente riscaldato con un sistema radiante diviene quindi un luogo adatto anche al soggiorno di persone allergiche, anziane o con salute precaria (ospedali), bambini (scuole, abitazioni) per le sue caratteristiche di igiene. Avere a disposizione ambienti liberi da corpi scaldanti esalta la possibilità di arredare liberamente consentendo di sfruttare tutto lo spazio in maniera razionale. Negli edifici di valore storico artistico come chiese, castelli o complessi di rilievo architettonico, la presenza di corpi scaldanti può compromettere l’equilibrio delle forme.   

 

Contattaci 

 

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Privacy

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n. 196.

TOP